Classical
So far so good
Virginia Guastella
GLI SPECCHI DI VIRGINIA

Le composizioni di Virginia Guastella hanno sempre qualcosa di elegantemente elusivo.

Pur essendo molto espressive e senza alcun timore di gesti espliciti, quando non dichiaratamente teatrali, lasciano comunque la sensazione che l’autrice tenga per sé alcuni dettagli, come se il rilevarli interamente a chi ascolta ne causasse l’evaporazione.

Come tutti gli autori della sua generazione, Virginia è passata attraverso un paesaggio dove le ceneri delle vecchie avanguardie avevano smesso da anni di fumare, e solo ne rimanevano pochi detriti.

Allo stesso tempo una rinnovata consapevolezza del ruolo di chi scrive musica aveva indotto molti autori a recuperare materiali che una volta sarebbero stati assolutamente tabù, dalla cantabilità esplicita a un ritrovato uso della consonanza. Tuttavia la musica presente in questo disco è totalmente aliena da nostalgie del passato o anche dal divertimento un po’ cinico di certi assemblatori postmoderni di citazioni. Ogni frase, ogni gesto vivono di una propria assoluta sincerità e volontà comunicativa, sia che il discorso nasca maggiormente astratto (come nel quartetto per archi “Sinopia N°1”) sia nei momenti di maggior immediatezza sonora (come nelle suggestioni armoniche derivate dal jazz nel brano pianistico “In a real landscape”).

Virginia, però, sa bene che svelare completamente le proprie carte non è una buona tattica per chi gioca, quindi alcune (forse quelle a cui è più legata personalmente) le tiene ben strette a sé.

Il fascino di questa musica, quindi è anche in questo “non detto”, nella raffinatezza delle sue movenze, nella pronuncia a volte sibillina di immagini e simboli.

L’utilizzo di forme in ogni caso chiare, con linee melodiche dalla direzionalità evidente è uno stratagemma che permette a Virginia di arrivare a chi ascolta direttamente senza passare attraverso fumose spiegazioni teoriche, un atteggiamento che deriva certo dal suo essere una musicista impegnata direttamente e quotidianamente nel mondo delle performance dal vivo, della diretta pratica musicale.

Nel trio per sassofono, flauto e piano ”...à bout de souffle...” frammenti melodici taglienti e nervosi galleggiano in un liquido scuro spesso incorniciato da ampie zone di silenzio.

Nessuna dialettica “tradizionale” sta alla base del dialogo tra i tre strumenti, nè sono presenti accenni a forme classiche di qualsiasi tipo, eppure la coerenza delle fi gure è tale da tenere sempre desto l’interesse di chi ascolta.

Carlo Boccadoro



Etichetta MAP CLASSICS
Catalogo N°MAPCL 10044
Produzione M.A.P. EDITIONS S.r.l.
Distribuzione M.A.P. EDITIONS S.r.l.
Anno 2016



Prezzo Album: € 10,99
Prezzo Album Fisico: € 12,99
1
Sinopia N. 1 per quartetto d'archi (Edizioni RaiCom-2013) - 10'25"
Virginia Guastella
Prezzo: € 0,69
2
...à bout de souffle… per trio (fl, sax e pf) (Edizioni RaiCom-2013) - 5'07"
Virginia Guastella
Prezzo: € 0,69
3
Zaira tra le misure del suo spazio . per orchestra (inedito-2015) - 5'55"
Virginia Guastella
Prezzo: € 0,69
4
In a real landscape. per pianoforte (M.A.P. Editions-2013) - 8'33"
Virginia Guastella
Prezzo: € 0,69
5
So far* so good per ensemble (Edizioni RaiCom-2014) - 9'37"
Virginia Guastella
Prezzo: € 0,69
6
D'amore su corde per chitarra e viola d'amore (inedito-2013) - 9'52"
Virginia Guastella
Prezzo: € 0,69
7
Biforcazione binaria per pianoforte (M.A.P. Editions-2013) - 7'24"
Virginia Guastella
Prezzo: € 0,69
8
Not in my name Cadenza per sax contralto (Edizioni RaiCom-2006/2014) - 3'31"
Virginia Guastella
Prezzo: € 0,69
Guarda altri album - Classical
/// Funiculì Funiculharp
/// Doubleface
/// Bach in Black
/// FRANZ LISZT CHAMBER MUSIC for Violin, Cello and Piano
/// Flute XXI Project